Prostatite: Cibi da Evitare e Alcuni Rimedi Naturali

No Comments Alimentazione,Dieta Prostatite
Condividi

Prostatite: Esistono Cibi da Evitare? E i Rimedi Naturali Sono Utili?

prostata-ingrossata

E’ importante che i maschi aumentino il consumo di alimenti che possono aiutare a ridurre il volume della prostata, come frutta, verdura, legumi, oltre a tanta acqua buona, pura e genuina.

La prostatite, è causata da un’infiammazione della ghiandola stessa e colpisce milioni di uomini in tutto il mondo, e anche se colpisce uomini di diversa età, il rischio è sempre maggiore nell’età avanzata della persona, anche se l’età non ne è in nessun caso la diretta causa.

In molti casi, per evitare gli effetti collaterali indesiderati che possono essere causati dagli interventi chirurgici (che in ogni caso non rimuovono le cause della patologia e per questo motivo a distanza di tempo il problema si ripresenta), la patologia (qualsiasi prostatite e qualsiasi problema alla prostata) può essere affrontata iniziando con i rimedi naturali, che funzionano molto meglio se però vengono eliminati i farmaci, tutti, in particolare quelli per la prostatite.

Quali Sono i Sintomi di una Prostatite?

Nella maggior parte dei casi, la prostatite può essere dovuto ad una infezione batterica della prostata o semplicemente dall’infiammazione anche se non mostra alcuni segni di infezione, ma in nessun caso significa che vi è collegamento diretto con lo sviluppo di cancro alla prostata, che comunque resta una gravità curabile con metodi naturali.

I sintomi della prostata che possono verificarsi sono problemi a urinare, l’impotenza, brividi e tremori nel basso ventre, sangue nelle urine e mal di schiena, ma si potrebbero verificare seri problemi se non viene fatto nulla per risolvere.

Una Corretta Alimentazione per la Prostatite

L’alimentazione è importante, portare vari cambiamenti nella dieta può ridurre l’infiammazione e una prostata ingrossata. Perché è utile ridurre il consumo di alcuni alimenti che possono causare infiammazione e sostituirli con cibi che aiutano invece a ridurre sia l’infiammazione che l’ingrossamento. Evitare cibi raffinati, cibi fritti, latticini e caffeina.

I Rimedi Naturali che Possono Aiutare la Prostatite

Quercitina

La quercetina è un flavonoide con azione antiossidante, che può essere trovato in alcuni alimenti, come le cipolle, tè verde, iperico o erba di San Giovanni, che aiutano a combattere i radicali liberi che danneggiano le cellule e di solito hanno efficacia in taluni casi di prostatite.

Nelle bucce e scorze si può trovare la quercetina, che può migliorare i sintomi di qualsiasi tipo di prostatite, anche se cronica.

Pau D’Arco

Il Pau d’Arco viene dalle foreste pluviali del Sud America ed è un albero che ha forti proprietà antibatteriche, ed è estremamente utile per le persone che soffrono di prostatite indotta da batteri, anche se in realtà resta sempre solo un aiuto, come tutti i rimedi naturali.

Pygeum o prugne africane

Pygeum è nativo dell’Africa ed è utile per aiutare gli uomini che soffrono di prostatite. E’ generalmente usato per alleviare i sintomi dell’iperplasia prostatica benigna. Circa 200 milligrammi di estratto di Pygeum, da assumere giornalmente, si traduce in un netto miglioramento dei sintomi della prostatite.

Saw palmetto

Saw Palmetto è una piccola palma che viene coltivata sulle coste del sud-est degli Stati Uniti, le aree in Europa mediterranea e l’Africa, ed è talvolta usata per il trattamento della prostatite, grazie a dei componenti attivi di questa pianta, che aiutano l’infiammazione della prostata.

Il trattamento naturale con saw palmetto può in alcuni casi ridurre le dimensioni della prostata anche in un mese, e non ha effetti collaterali.

Se si soffre di problemi alla prostata, come ingrossamento della prostata o prostatite, prestare attenzione ai cibi che non si dovrebbero mangiare.

Quali Sono i Cibi da Evitare?

Le carni rosse e lavorate

carne-rossa

Mangiare carne rossa e trasformati in eccesso non è sano e può aumentare il rischio di cancro alla prostata. Gli studi mostrano che gli uomini che mangiano carne rossa hanno il 12% in più di probabilità di sviluppare il cancro alla prostata e il 33% in più di probabilità di avere il cancro avanzato rispetto a quelli che hanno mangiato minor quantità di carne rossa.

Manzo

Più gravoso della carne c’è la carne non biologica, è la carne più ricca di ormoni sul mercato, implica l’uso di ormoni, antibiotici e steroidi. Si raccomanda di mangiare quanto meno carne biologica al fine di evitare gli additivi che possono avere un maggiore impatto negativo sulla prostata e la salute generale.

Alimenti ricchi di calcio come i latticini

L’American Cancer Society osserva che vi sono indicazioni che l’eccessiva assunzione di calcio è stata associata ad un aumentato rischio di cancro alla prostata. La maggior parte dei prodotti lattiero-caseari sono ad alto contenuto di grassi e colesterolo e possono anche contenere ormoni, ognuno dei quali può avere un impatto negativo sulla salute della prostata e la salute in generale.

L’asparago

Gli asparagi sono depurativi per il nostro organismo, sono però ricchi di acido urico e quindi meglio evitarli in presenza di gotta, cistite, calcoli renali, prostatite soprattutto in fase acuta. Per l’ipertrofia prostatica senza problemi di minzione, mangiare l’asparago può essere benefico. Ha poche calorie e pochi carboidrati e contiene tante proteine, vitamina C, potassio, calcio, fosforo, ma anche purine e acido urico per nulla benefiche, ma che si perdono molto dopo la cottura come pure la vitamina C.

Pomodori in scatola e derivati ​​del pomodoro

Mentre i pomodori promuovono la salute della prostata perché contengono licopene, si raccomanda di evitare alimenti confezionati. I rivestimenti delle lattine contengono bisfenolo A detto anche BPA, un prodotto che può contaminare i pomodori. Al BPA è associato un aumentato rischio di cancro e altri problemi di salute.

Popcorn

I popcorn sono una buona fonte di fibre, ma quelli confezionati contengono sostanze chimiche a cui sono associate l’infertilità dell’uomo. Questi prodotti sono stati collegati al cancro negli animali da laboratorio.

Patate non biologiche

La patata è un alimento sano, tuttavia, è esposta a varie dosi di veleno. Le patate assorbono erbicidi, pesticidi e fungicidi dal terreno. Non si possono eliminare le sostanze chimiche con un lavaggio, perchè sono state assorbite dalla polpa delle patate, per cui si consiglia di acquistare patate biologiche.

Patatine fritte confezionate

Le patatine fritte in sacchetto ma anche se fatte in casa, contengono un sacco di grassi saturi e sale. Le patate contengono anche un aminoacido chiamato asparagina, che una volta riscaldato a 248 gradi Fahrenheit si può formare sopra l’acrilamide, una sostanza considerata “possibile cancerogeno per l’uomo” dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro.

Dolcificanti artificiali

I dolcificanti artificiali si trovano in una varietà di alimenti e sono anche usati come sostituti dello zucchero. Questi sono stati associati con l’insorgenza del cancro negli animali e possono causare reazioni allergiche in alcune persone.

Salmone di allevamento

I salmoni d’allevamento sono allevati in recinti, alimentati con soia e farina di pesce con coloranti artificiali per renderli rosa. Questo pesce contiene poca vitamina D e acidi grassi omega 3 e ha un alto contenuto di sostanze contaminanti. Si raccomanda di evitare di mangiare questo pesce.

Zucchero

Oltre a fornire un sacco di calorie, molti esperti ritengono che lo zucchero favorisce la crescita delle cellule tumorali. Si consiglia ad esempio di mangiare caramelle con fruttosio.

Altri consigli pratici

Bocca sana: In bocca ci sono più batteri che in ogni altra parte del corpo…quindi paradossalmente ci scambiamo più malattie con un bacio che a fare altre pratiche sessuali poco ortodosse :-). In bocca inoltre spesso sono presenti tossine rilasciate da otturazioni in amalgama (otturazioni in mercurio) che possono avere un effetto profondo sullo stato di salute generale. Cosiglio di fare una visita da un dentista olistico per valutare la tua situazione ed eventualmente rimuovere queste otturazioni. Inoltre è sempre utile praticare una buona igiene orale per il rafforzamento del proprio sistema immunitario.

Stimolare il sistema linfatico: Il sistema linfatico a differenza del cuore non ha una pompa ed è quindi necessario stimolarlo per fargli compiere correttamente il suo lavoro. Stimolarlo per la rimozione dei rifiuti dal nostro corpo è essenziale per la prostata ingrossata. Un esercizio fisico regolare, un’idratazione corretta e un massaggio linfatico costante possono fare molto per migliorare la situazione.

Condividi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

InformaProstata

E' il punto d'incontro per chi vuole informazioni e aggiornamenti scientifici sulla prostata. Rimani informato su scoperte e ricerche scientifiche su tutto ciò che riguarda la prostata e la salute di questa importante, ma sottovalutata, ghiandola.

Contatti