Come Curare la Prostatite con Rimedi Naturali

No Comments Alimentazione,Cure Prostatite,Prostata Ingrossata
Condividi

È importante per gli uomini aumentare il consumo di alimenti che possono aiutarli a sgonfiare la prostata, come frutta, verdura o legumi, così come molta acqua.

La prostatite a differenza della prostata ingrossata (IPB) è causata da un’infiammazione e colpisce milioni di uomini in tutto il mondo, e colpisce gli uomini di età diverse, mentre per l’IPB il rischio è più alto nelle persone anziane.

In molti casi e per evitare effetti collaterali indesiderati che possono essere causati da un intervento chirurgico, il problema può essere trattato con rimedi naturali, che possono essere associati al trattamento della prostatite.

Questo articolo mostra solo una piccola parte di tutto quello che si può fare per la prostata, mentre clicca sul link seguente se vuoi sapere come curare la prostatite.

Quali sintomi porta la prostatite

Nella maggior parte dei casi, l’allargamento può essere causa di un’infezione batterica della ghiandola.

I sintomi che possono verificarsi sono problemi a urinare, l’impotenza, brividi, sangue nelle urine e dolore lombare, ma potrebbe causare problemi molto gravi, se il problema è trascurato.

Alimenti per la prostata

L’assunzione di alimenti come frutta, verdura e cereali è consigliabile quando si verifica questo problema.

Sarà importante fare diversi cambiamenti nella dieta per ridurre l’infiammazione della prostata; Per questo è necessario ridurre il consumo di alimenti che possono causare infiammazioni e sostituirli con alimenti che li aiutano a ridurlo.

Aumenta l’assunzione di frutta, verdura, cereali integrali, legumi e diminuire o eliminare la carne rossa e soprattutto tutti i latticini.

Evitare cibi raffinati, fritti, alcol e caffeina.

RIMEDI NATURALI PER AIUTARE PROSTATITI

QUERCETINA

La quercetina è un flavonoide, con azione antiossidante, che si può trovare in alcuni alimenti come le cipolle, il tè verde, il vino rosso e il mosto di St. John o l’erba, che aiutano a combattere i radicali liberi che danneggiano le cellule e spesso hanno efficacia in alcuni casi di prostatite.

Nella buccia di alcuni frutti può essere trovata la quercetina e può migliorare i sintomi di due tipi di prostatite: prostatite cronica non batterica. Consiglio comunque un integratore se non abbiamo la certezza della provenienza della frutta.

PAU D’ARCO

Pau d’Arco proviene dalle foreste pluviali del Sud America ed è un albero che ha forti proprietà antibatteriche, in particolare contro i batteri E. coli, ed è di grande beneficio per le persone che soffrono di prostatite indotta batteri.

PYGEUM AFRICANO

Il pygeum o la prugna africana è nativo in Africa ed è utile per aiutare gli uomini affetti da prostatite; Viene generalmente usato per alleviare i sintomi di iperplasia prostatica benigna. Circa 200 milligrammi di estratto di Pygeum, preso ogni giorno, porta ad un notevole miglioramento dei sintomi della prostatite.

PALMA NANA AMERICANA

La palma palmetto di sebal a è una piccola palma coltivata sulle coste degli Stati Uniti sudorientali, aree dell’Europa mediterranea e dell’Africa e talvolta viene utilizzata per curare la prostatite dovuta ai componenti attivi di questa pianta che contribuiscono a diminuire Infiammazione della prostata.

Il trattamento naturale del palmetto di sebal può in alcuni casi ridurre la dimensione della prostata in un mese e non ha effetti collaterali.

Condividi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

InformaProstata

E' il punto d'incontro per chi vuole informazioni e aggiornamenti scientifici sulla prostata. Rimani informato su scoperte e ricerche scientifiche su tutto ciò che riguarda la prostata e la salute di questa importante, ma sottovalutata, ghiandola.

Contatti